Cookie Consent by Free Privacy Policy Generator website

stemma e nome

itenfrdeptes
Lunedì, 10 Ottobre 2022 14:53

Il P. Generale per le solennità leonardine:”Lo stupore e la gioia cifra della santità”

Vota questo articolo
(1 Vota)

Le celebrazioni per la solennità di san Giovanni Leonardi si sono aperte sabato 8 ottobre con la memoria del transito presieduta dal Rev.mo P. Generale P. Antonio Luigi Piccolo, presso la tomba del Santo con la comunità di Santa Maria in Campitelli a Roma. In serata i primi vespri e la processione nel cuore del quartiere che vide i passi evangelizzatori del fondatore dei Chierici Regolari della Madre di Dio. Ai religiosi presenti e a quanti collegati via social, il P. Generale ha ricordato come l’esperienza del transito è “un nuovo inizio che dischiude un orizzonte e indirizza lo sguardo altrove. Occorre offrire spazio per lo stupore quando ci si fida della parola di un altro”. E commentando il racconto degli ultimi tempi della vita di Giovanni Leonardi, intravede in quella “insolita gioia” nella quale il Santo persiste, la “caratteristica dei santi”. Giovanni è consapevole e lascia ai suoi questo testamento di fiducia che “I nostri passaggi nella vita permettono la conformazione a Cristo. Non sono le regole o le leggi a cambiare la vita, ma lo sguardo di Gesù che destabilizza le nostre illusorie sicurezze”. Una volta rimesso nelle mani di Dio, il Leonardi percepisce ciò che resta, ovvero: “lo stupore e la gioia”. Questa dunque, conclude il Padre Generale la cifra della santità: “Fare tutto per Cristo e perdere la propria vita per gli altri”. Padre Piccolo ha proseguito le celebrazioni leonardine presso la cittadina di Diecimo nella lucchesia, borgo natale del Fondatore presiedendo l’Eucarestia e la solenne processione. Nella mattinata del 9 ottobre il Vescovo Ausiliare di Roma  Mons. Daniele Libanori ha presieduto la solennità del Leonardi con la comunità religiosa e parrocchiale di Campitelli. Erano presenti gli alunni del Collegio Urbano di Propaganda Fide accompagnati dal loro rettore Don Armando Nugnes. Il Vescovo Libanori dopo aver reso l’omaggio alle reliquie del Santo si è recato all’altare maggiore per celebrare l’Eucarestia. Durante l’omelia  ha ricordato come il santo di Lucca fu: “un uomo che il Signore ha donato alla sua Chiesa per aiutare tanti a riformare la propria vita e per contribuire in modo determinante a ridare slancio alla sua missione”. Un vero e proprio “gigante della fede” ha proseguito Padre Daniele: “Che ha speso la vita nella fatica paziente della riforma della Chiesa dal di dentro attraverso una proposta di vita evangelica radicale. Oggi lo veneriamo come un esempio da seguire. Da lui possiamo imparare che occorre decidersi per il Signore ogni giorno, accogliendo la sua parola e cercando le vie per metterla in pratica e farla conoscere: il Signore infatti non delude coloro che si affidano a lui. In lui oggi potremmo raccogliere quell'aspetto caratteristico della sua avventura spirituale costituita dal carisma del riformatore, cioè l'arte di cambiare la vita a partire dalla fiducia nella Parola del Signore Come i lebbrosi, -dell’odierna pagina del Vangelo-  sentiamo il bisogno di una vita nuova e di relazioni sane e profonde. Nella Parola del Signore scorre la sua vita, perciò rimettere al centro la Parola di Dio è la priorità e la condizione per il cambiamento e la rivitalizzazione di ogni comunità. Ma la Parola ha bisogno di annunciatori e di testimoni. Ha bisogno di una comunità cristiana che abbia sperimentato la sua forza e prenda sul serio il compito di cambiare la storia contribuendo ad alimentare una diversa visione delle cose mediante le prospettive che la Parola del Signore apre dinanzi ai nostri passi. Questa comunità di Campitelli prenda spunto ed esempio da San Giovanni Leonardi per cominciare a studiare la Parola di Dio dalla quale trarre spunto per quei cambiamenti che possono costituire per tanti un nuovo orizzonte verso il quale incamminarsi”.

Letto 652 volte

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

© 2022 Ordine della Madre di Dio. All Rights Reserved. Powered by VICIS