Cookie Consent by Free Privacy Policy Generator website

stemma e nome

itenfrdeptes

V domenica del tempo ordinario

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

md151Dal Sermone “Beati gli occhi” (C.347)

"Risplenda la vostra luce davanti agli uomini, perché vedano le vostre opere buone" (Mt 5,16)


Quando nostro Signore dice agli Apostoli: “Beati i vostri occhi perché vedono!” ( Cf. Lc 10,23). Non intende la beatitudine carnale e gaudente alla quale i filosofi hanno fatto riferimento; non di certo quella pratica; non tanto quella che si ottiene fidandosi della via, ma quella che è fruttuosa durante il cammino. Cioè, quella offerta dalla conoscenza della fede che si coniuga con la sapienza cristiana.

Fa proprio al caso nostro quel detto dell’Apostolo Paolo: “Dichiarano di conoscere Dio, ma lo rinnegano con i fatti, abominevoli come sono, ribelli e incapaci di qualsiasi opera buona” (Tt 1,16). Così il Signore non si riferisce agli occhi della carne […]. Poiché alle volte ciò che si vede, non corrisponde a ciò che si crede. Infatti, altro vede l’anima e altro vede il corpo. In tal modo, dicendo beati i vostri occhi che vedono, intendeva dire: Beati quegli spiriti, quelle anime che hanno questa conoscenza di Dio e delle cose che gli appartengono.

Beati gli occhi che mi conoscono come il redentore del mondo, la salvezza, il bene, la speranza ed ogni sorta di felicità. Come afferma l’Apostolo: “In Cristo sono nascosti tutti i tesori della sapienza e della scienza” (Cf. Col 2,3).  Coloro che conoscono e confessano questo,  devono abbandonare ogni altro affetto ed interesse. Devono lasciare la barca, la rete, l’umanità di sempre, i parente, cioè gli interesse della carne, abbandonare tutti gli affetti e negando se stessi, seguire me in modestia, in povertà, in croci, in carcere e persino nella morte. Beati dunque i vostri occhi perché vedono!

© 2022 Ordine della Madre di Dio. All Rights Reserved. Powered by VICIS