Cookie Consent by Free Privacy Policy Generator website

stemma e nome

itenfrdeptes
Lunedì, 16 Dicembre 2013 11:50

Lucca ricorda P. Ludovico Marracci

Vota questo articolo
(0 Voti)
Ludovico-MarracciUna giornata di Studio organizzata dalla Provincia di Lucca in collaborazione con il Centro studi OMD, ha visto radunarsi dopo il convegno romano, diversi studiosi che hanno proposto la vicenda umana e intellettuale di P. Ludovico Marracci orientalista e traduttore del Corano. Nel salone dell’arcivescovado sabato 14 dicembre le riflessioni hanno toccato la “Figura  il contesto storico e spirituale di P. Ludovico Marracci. il Prof. Ignazio Del Punta dell’Università di San Marino, Luca Santini storico di Camaiore, Gian Luca D’Errico dell’Università di Bologna, Francesco Bustaffa dell’Università di San Marino, Paolo Branca dell’Università Cattolica di Milano. Nel saluto rivolto ai convenuti il Segretario Generale dell’Ordine P. Davide Carbonaro ha e sottolineato la gratitudine:  “per il dono di uomini  come Ludovico Marracci figlio di questa terra. Ad essi riconosciamo il ruolo di ‘puntellatori’ della società umana e cristiana. Certo del Marracci possiamo riaffermare, guardando al patrimonio di cultura e di fede di cui fu estensore,  la lungimiranza profetica del Leonardi: “uomo di grammatica e di spirito” (Cf. Lettera del 21 novembre 1608). Il suo ingegno e la sua passione per la cultura araba ed orientale in genere, lo rendono per il suo tempo custode intelligente di quelle “porte del mediterraneo” oggi così al centro di tragedie umane che la cronaca del nostro tempo evidenzia,  generando nei cuori domande antiche e nuove”. Così, ha proseguito p. Davide: “Ludovico si mise in ascolto di una cultura diversa dalla sua. Egli stesso ricorda che fu ‘la curiosità intellettuale’ che lo spinse a decifrare i caratteri cufici che erano su un foglietto abbandonato dai ‘levantini del Tevere’. Quell’episodio emblematico e rivelativo dell’animo di Marracci: curioso, intelligente, investigatore, prudente, scientificamente onesto; ma pur sempre figlio della Chiesa e del Leonardi e quindi ‘uomo di obbedienza’.  Lo riconosciamo a pieno titolo tra i protagonisti ‘del meticciato culturale’ che nel XVII secolo condurrà all’incontro tra la lingua sacra dell’Islam ed il latino, la lingua dell’Europa. In effetti, la traduzione del Corano, come ‘apostolato intellettuale’ operò una sorta di dialogo interreligioso anzitempo e permise di accostare senza paura colui che rimaneva pur sempre l’atavico ‘nemico’. Con la penna di P. Ludovico  l’Islam entrò in Europa in un modo nuovo senza spada, e senza sangue. Ben venga questo Convegno a Lucca che segue immediatamente quello di Roma. Ringrazio quanti ne hanno curato la preparazione scientifica e documentale  e gli aspetti organizzativi ed economici. Il Centro Studi dell’Ordine della Madre di Dio continuerà nel prossimo futuro lo studio, la conservazione e la trasmissione del patrimonio marracciano che rimane un caposaldo del’umanesimo cristiano e italiano”.

16 dicembre 2013

Letto 1438 volte Ultima modifica il Lunedì, 16 Dicembre 2013 12:00

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

© 2022 Ordine della Madre di Dio. All Rights Reserved. Powered by VICIS